We share the same soul (o-o-o-oooh)

 

È un sentimento, anzi no, uno stato d’animo indescrivibile.

A volerci provare a tutti i costi, è come se una parte del corpo fosse pervasa da un delirio di onnipotenza, mentre un’altra – le gambe, i polsi, le mani – venisse attraversata da un tremito costante.

È eccitazione, paura, gratitudine, sussulto, respiro profondo prima di un nuovo tuffo nell’ignoto.

È Ilaria che, sorridente di un sorriso nuovo, mi mostra due linee rosse, nette, e mi dice

– buon Natale –

È il Beta-HCG che ha aspettato i nostri trent’anni (e i trenta mesi di Leonardo) per tornare a farci visita scoprendoci diversi, lontani anni luce dall’uomo dalla donna che eravamo prima. Per quanto sia a volte tentato di pensare il contrario, migliori.

È la gola secca, tuo figlio che capisce al volo e prima sorride, poi ti morde con tutta la forza che ha.

È Jack che, ancora una volta, trova le parole al posto mio.

She could make angels
I’ve seen it with my own eyes
you gotta be careful when you’ve got good love
‘cause the angels will just keep on multiplying.

È vivo, è vero. E’ un secco due a zero contro il mondo intero.

Buon anno, gente.

Fabrizio

Annunci

Informazioni su thomasmagnum

italic, irregular, bald.™

Un Commento

  1. Pingback: Due virgola due centimetri. « leonardiana.

Say what?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...